Mauro

Montalcinese fiorentinizzato, con una passione semisecolare per l’enogastronomia senza frontiere e sommelier per diletto, soffre di un’avversione naturale per demagogia e banalità e nutre un’attenzione maniacale per la scrittura corretta.
Assaggiatore instancabile – soprattutto quando si tratta di B.B.C., ma anche di tutto il resto – coltiva un’impegnativa curiosità per tutto quello che richieda un’analisi organolettica.
Almeno, così gli piace credere. O far credere.