Recensioni: Ristorante Somu, San Vero Milis (Oristano)

Recensioni: Ristorante Somu, San Vero Milis (Oristano)

Per un continentale non è proprio dietro l’angolo, San Vero Milis, un piccolo paesino dell’entroterra di Oristano, dove ha sede anche una nota azienda vitivinicola di Vernaccia, Josto Puddu. Una casa nel centro storico – di fronte alla Chiesa di Santa Sofia, antica dimora di una benestante famiglia sanverese – è ancora un luogo di incontro e di ospitalità, e il giovane chef Salvatore Camedda, classe 1983, senza stravolgere gli spazi degli originari vani domestici, vi ha creato il suo ristorante Somu (la casa), realizzando un sogno maturato dopo alcuni anni di esperienze a fianco di vari maestri, come lo chef stellato Giuliano Baldessari (ristorante Acqua Crua, nel vicentino).

Nella cucina di Camedda si sintetizzano, attraverso i piatti di terra, la crudezza della montagna e della campagna del Montiferru, mentre con le preparazioni marinare si evocano le spiagge assolate del Sinis e la ricchezza del mare sardo. L’eccellenza degli ingredienti e la spasmodica ricerca della qualità sono le linee guida dell’arte culinaria di Salvatore, che, pur se molto attenta, è sobria e leggera.

La mia esperienza si è orientata sul menu degustazione «Sapori di mare». I piatti hanno coniugato magistralmente le materie prime del territorio – come cappesante, calamari, anguilla e dentice – integrate con ingredienti di importazione, come baccalà, topinambur e artemisia, creando una fusion elegante e gustosa.

Il menu degustato è stato eccellente. Due antipasti: cappasanta al nero, con crema di cavolfiori e porri fritti; calamari all’aglio nero, carciofi e origano. Due primi piatti: un gustoso spaghettone aglio, olio e peperoncino, arricchito da una crema di anguilla aromatizzata all’artemisia; tortelli di baccalà mantecato, con un fondo di crema di topinambur con nocciole. Piatto principale: filetto di dentice, arricchito con uova di granchio e guarnito da olive e origano. Dessert: un’ottima bavarese di cioccolato bianco, con olive e pistacchio.

Il servizio è curato anche nell’offerta dei vini, visto che il padre di Salvatore, Antonio, oltre che appassionato di cucina, è un noto sommelier oristanese, e non ha mancato di trasmettere al figlio il suo know-how enologico.

Somu – via Umberto I, 123 – San Vero Milis (Oristano)