Il bonèt è un antico e tradizionale dolce al cucchiaio tipico del Piemonte. Il cacao è entrato nella ricetta del bonèt soltanto dopo la scoperta dell’America e da allora è rimasto presente nella sua versione più diffusa. In alcune zone si continua a non usarlo, aromatizzando il latte con vaniglia o scorze di limone, caffè o Cognac.

Ingredienti (per uno stampo di cm 30×5): 4 uova – 1 bacca di vaniglia – 90 g di zucchero – 50 g di cacao amaro – 90 g di amaretti – 1 pizzico di sale – 2 cucchiai di rum – 360 g di latte – 110 g di panna liquida – Per il caramello: 80 g zucchero – 30 g acqua

Montare le uova con lo zucchero e i semi della bacca di vaniglia, poi aggiungere lo zucchero, il cacao setacciato, gli amaretti sbriciolati, il sale e il rum.

A parte, portare a ebollizione il latte e la panna, lasciare raffreddare e aggiungere il composto di uova, mescolando accuratamente.

Preparare il caramello (con lo zucchero e l’acqua) e versarlo ancora bollente nello stampo da plumcake.

Versare anche la crema nello stampo e adagiarlo a bagnomaria all’interno di un contenitore con acqua che arrivi a metà dello stampo, poi infornare a 150 °C per circa 1 ora.

Togliere lo stampo dal bagnomaria, lasciarlo raffreddare e metterlo in frigorifero per circa 6 ore.

Staccare il bonèt dal bordo dello stampo, aiutandosi con un coltello, quindi immergerlo per pochi secondi in acqua bollente, rovesciarlo sul piatto da portata e decorarlo con qualche amaretto intero. Voilà.